La creazione pubblicitaria originale è tutelata dal diritto d’autore se è scindibile dal messaggio promozionale

In una ordinanza del 14 settembre 1999, emessa nell’ambito di un giudizio cautelare, il tribunale di Bari ha offerto una interessante interpretazione delle norme sul diritto d’autore applicate ad una creazione pubblicitaria.

Il resistente aveva conferito alla società ricorrente l’incarico di realizzare una campagna pubblicitaria per l’edizione del 1997 della Fiera del Levante. La società ricorrente si è rivolta al tribunale lamentando che il disegno da essa realizzato (una figura umana che accorcia le distanze tra oriente e occidente e il connesso logo “Bari. Dove l’Europa incontra l’oriente”) era stato successivamente riutilizzato dal resistente anche per edizioni successive della Fiera, chiedendo una misura inibitoria per vietare al convenuto l’uso del disegno in questione.

Il problema fondamentale che il tribunale ha dovuto risolvere per verificare l’esistenza del fumus boni iuris è se la legge sul diritto d’autore potesse applicarsi al disegno oggetto di contesa. Facendo riferimento alla giurisprudenza in materia, il tribunale ha stabilito che al fine di decidere se l’opera nata dalla prestazione di un’attività di carattere creativo poteva essere meritevole di tutela in termini di diritto d’autore, avrebbe applicato prima di tutto il criterio della scindibilità fra la creazione artistica e la sua componente utilitaria, rappresentata in questo caso dalle altre indicazioni individualizzanti il messaggio pubblicitario, per poi passare alla verifica dei requisiti oggettivi della creatività, originalità e novità.

Il disegno è stato giudicato agevolmente scindibile dal messaggio pubblicitario, nonché dotato di sufficiente creatività, originalità e novità. Stabilito che la ricorrente era titolare dei diritti patrimoniali sul disegno conferiti dalla tutela del diritto d’autore, e che dal contratto tramite il quale era stato affidato l’incarico risultava evidente la limitazione temporale della cessione di tali diritti patrimoniali, il tribunale ha concesso la misura cautelare.

15 maggio 2001